“L‘arte diventa interessante solo quando ci troviamo di fronte a qualcosa che non possiamo spiegare immediatamente“. Questa frase del regista tedesco Christoph Schlingersief ci viene in mente osservando le opere di Cornelia Lochmann. La sua arte evoca un mistero che c’incuriosisce di decifrare. Questa è una caratteristica particolare della sua opera, che la rende così incredibilmente eccitante. I quadri di Cornelia hanno la qualità di non rivelare il proprio messaggio. Lo spettatore ha la possibilità di farsi idee e pensieri infiniti. Le sue immagini evocano una fase emozionante di percezione e si è coinvolti nell'esplorazione di un mondo fantastico. Nelle opere di Cornelia, lo sguardo non viene concentrato su un punto principale. Si è completamente liberi nella contemplazione. Spesso si osservano figure umane, ma i loro corpi non hanno significato fondamentale e svaniscono nell'immagine. Cosí lo sguardo non viene catturato dalla persona ritratta, ma è ansioso di tuffarsi in questo spazio profondo. Si apre un paesaggio immenso e misterioso, che ci affascina di voler immaginare e sognare. Cornelia riesce a dare alle sue opere una poetica magica, che irradia un suo fascino singolare.
Queste straordinarie atmosfere e questi spazi infiniti l’artista evoca tramite un’esaltazione di colori. La varietà e gli accostamenti di colori confermano la grande percezione cromatica dell’artista. Crea i suoi quadri attraverso un diagramma di colori straordinari. L'artista utilizza colori acrilici di alta luminosità, che sovrappone o lascia fluire l'uno nell'altro. In questo modo crea spazi velati e indefiniti, che intensificano la nostra curiosità. L’immenso gioco di colori e la raffinata sensualità dell’artista Lochmann si dispiega nei suoi dipinti con affascinante espressione.
Cornelia ci dà grande libertà affinché ognuno possa assorbire la sua arte individualmente e intimamente. Questa immensa libertà d’interpretazione può far vagare all'infinito la nostra capacità d‘immaginazione. Osservando i suoi quadri in profondità si avverte una magia speciale. I dipinti di Cornelia ci invitano a invocare la nostra immaginazione e fantasia. Di queste esperienze il mondo d’oggi ne avrebbe tanto bisogno. Troppo poco è il tempo che ci rimane, per far vagare i nostri pensieri. Cornelia ci offre di fronte alla sua arte di vivere liberamente le nostre esperienze mentali. È un invito all’osservatore di provare sentimenti personali e di analizzare la nostra consapevolezza nel vedere ed osservare.
I titoli delle sue opere, come “osessione”,“cavalcando un cavallo” o “passione nel paesaggio”, sottolineano la sua intenzione di portarci ad una libertà d’interpretazione. Cornelia Lochmann cerca il dialogo con lo spettatore tramite la sua capacitá di trasportarci mentalmente verso emozionanti esperienze visionarie.
Kostner Valentine

Biography
Born 1985 in Bolzano/Bozen (Italy)
2005 art studies, in Milan, at the Academy of Brera
Since 2006 living in Berlin, studying at the Academy of Berlin-Weissensee
2013 academic degree at the Academy of Berlin-Weissensee
2015 foundation of Kunsthalle Bozen, ex Mebo Center, Bolzano
2016 Art Director of Kunsthalle Bozen and Museion Atelier-House, Bolzano
2017 foundation and President of the cultur and art association “Shifting Islands“, Bolzano 2017 Curator of the new gallery “Die Kunst der Stunde“, Kaltern, Südtirol

Selected exhibitions
2018 partecipation of the group show “Stadt - Landschaft und Figurenbild, Rathaus Dresden 2017 organisiation and partecipation of the group show “Macht Landschaft”, Galerie Shifting
Islands, Bolzano
2017 solo show with Thomas Snively III, “Violently Disconnected”, Galerie Carceri, Kaltern
2017 partecipation of the group show “Game”, Kunsthalle Lana
2017 partecipation and organisation of the group show “Opening”, Die Kunst der Stunde, Kaltern 2016 solo show with Zohar Fraiman, titled “Schwarzkäppchen is not the murderes type”,
Museion Atelier-House, Bolzano
2016 curation of the show “Arrangment I-V”, Museion Atelier-House, Bolzano
2016 curation of the show “Republic of sheep”, Museion Atelier-House2016 organistation of the exhibition and event “Drei Südtiroler Männer”, Kunsthalle Bozen 2016 organisation of the exhibition “Sammlung Simonow” Kunsthalle Bozen
2015 solo show, titled “Touchè“, Stadt Galerie Brixen, Brixen
2015 curation of the exhibition “ BBCII Reconciliation“, Kunsthalle Bozen
2015 curation of the group show “BBC - Berlin Bozen Connection”, Kunsthalle Bozen
2014 group exhibition "my name is artist", Museum Hugo Voeten, Herentals, Belgium
2014 participation in the Art Fair Scope, New York, with the SKB and the gallery Doris Ghetta 2013 participation in the Art Fair Scope, Miami Beach, with the SKB and the gallery Doris Ghetta 2013 group exhibition, titled “Comes in 6 colours”, second home projects, Berlin
2011 solo show with Werner Liebmann, titled “Traumschlacht”, Galerie Prisma, Bolzano
2010 group exhibition curated by Judy Lybke, titled “Lehrauftrag Lybke”, Uferhallen, Berlin 2009 participation in the Art Fair of Dornbirn, Austria
2008 participation of the ArtFair “Kunstsalon”, Berlin
2007 partecipation of the group show “Start”, Galerie Prisma, Bolzano
2007 solo show at Gallery Läkemäker, Berlin

Collections
Sammlung Museion
Kunstsammlung der Südtiroler Sparkasse
Kunstsammlung der Autonomen Provinz Südtirol
Kunstsammlung der Raiffeisenstiftung
Sammlung Simonow, Berlin

 

 

Richiedi informazioni